Struttura Tecnico-Scientifica per la formazione continua degli associati

Su questo sito potremo usare dei cookies. Navigandolo accetti espressamente il loro utilizzo.



Struttura Tecnico-Scientifica per la formazione continua degli associati

L’aggiornamento professionale dei soci è curato e controllato dall’Istituto Culturale e dal suo Comitato Tecnico Scientifico. 

E' obbligo dei Soci il continuo aggiornamento della loro preparazione attraverso studi e frequenza di corsi e stageAi fini dell'aggiornamento professionale permanente sono istituiti punti di aggiornamento per l'Educazione Continua degli Operatori Shiatsu (E.C.O.S.) e per l’Educazione Continua Insegnanti Shiatsu (EDUCIS) , validi anche ai fini del mantenimento dell'iscrizione nei rispettivi registri.

I Soci sono tenuti ad accumulare nel biennio un minimo di punti E.C.O.S. e/o EDUCIS stabilito dal Consiglio Direttivo. L'obbligo di aggiornamento decorre dal 1° gennaio dell'anno successivo all'iscrizione come Socio.

L’Istituto Culturale e il suo Comitato Tecnico Scientifico definiscono quali attività sono riconosciute ai fini dell’aggiornamento (Convegni, Simposi, Seminari, stage, nazionali e/o regionali, etc.). Per ogni attività formativa riconosciuta il Direttivo attribuirà specifici punti formativi E.C.O.S. e/o EDUCIS. Ogni attività riconosciuta potrà prevedere una verifica finale sui contenuti proposti.

L’Istituto Culturale potrà istituire una apposita commissione per la gestione corrente di riconoscimento delle attività di aggiornamento professionale.

Tale Commissione Aggiornamento Professionale, sarà composta da membri dell’IC e della commissione formazione e da esperti del settore. L'inosservanza dell'obbligo di aggiornamento comporta l'applicazione delle sanzioni disciplinari di cui l'Art. 10 dello Statuto, compresa l’espulsione e/o la sospensione temporanea della qualità di Socio con il passaggio all’elenco Operatori non praticanti e la cancellazione dal Registro Italiano Operatori Shiatsu della FISieo. L'applicazione delle sanzioni viene operata dal collegio dei Probiviri.